Category Archives: 2012

SCARIOLO: “Nel basket moderno il quintetto che conta è solo quello che finisce le partite”

Dopo la prima positiva uscita al termine del ritiro in montagna guarda avanti con il sorriso l’Emporio Armani Milano di coach Sergio Scariolo. Un giorno di riposo per ricaricare le batterie e da quest’oggi si riparte a lavorare al PalaLido per la seconda parte della preparazione superato lo scoglio più duro della riattivazione. Intanto nello scrimmage contro si sono viste cose interessanti, soprattutto nei primi due tempi quando la squadra era lucida fisicamente e mentalmente. Un Langford molto intraprendente, un Hairston energico già tirato a lucido e un Hendrix altrettanto voglioso di farsi notare divenendo un vero riferimento in post basso, il tutto orchestrato da un Cook in versione playmaker puro (1 tiro, 1 canestro, ma tanti assist)

ECCO LANGFORD E HENDRIX. L’ARMANI SORRIDE

È stata una sgambata positiva la prima uscita del precampionato dell’Emporio Armani Milano che a conclusione del ritiro di Cavalese ha incontrato in amichevole l’Angelico Biella davanti a circa 600 spettatori. Hanno vinto i biancorossi di coach Sergio Scariolo che sulla distanza di 5 periodi da 10′ (riazzerando ogni volta il punteggio, 102-85 il totale finale) hanno avuto la meglio in tre, uscendo sconfitti nel “tempino” dedicato agli aggregati e nell’ultimo. Per l’Olimpia note positive soprattutto dall’esplosiva coppia di esterni americani formata da Keith Langford, autore di 16 punti, e da Malik Hairston che ne ha segnati 14. Sotto canestro invece tanta energia è arrivata da Richard Hendrix, (partito in quintetto con Bourousis di ricambio) che ha trovato da subito una buona intesa sul pick n’ roll con il nuovo capitano Omar Cook.

“SARÀ UNA MILANO STILE LOS ANGELES”

Si avvicina la fine di agosto e manca solo un mese all’inizio del campionato di Serie A in cui l’Olimpia Milano, dopo tanti anni, parte con i favori del pronostico. È tornato a parlare anche il presidente Livio Proli che in primis si vuole riferire alla recente conquista della licenza A di Eurolega: «E un gradito attestato di stima e di fiducia per quello che abbiamo costruito e per quello che abbiamo dimostrato di poter costruire. L’Eurolega ci riconosce quelle caratteristiche idonee per entrare nel loro progetto ideale e far parte della relativa organizzazione, ma dovremo seguire delle linee ferree».

OLIMPIA, CONTINUANO LE FATICHE IN ALTURA

Continua al ritmo di due allenamenti al giorno la preparazione in montagna dell’Emporio Armani Milano che sta concentrando il suo ritiro pre-stagionale in una settimana prima di tornare sotto la cappa di caldo che sta stringendo Milano in questi giorni. Quest’oggi ci sarà la possibilità anche per i tifosi di assistere ai due allenamenti che i biancorossi svolgeranno agli ordini di coach Sergio Scariolo con la prima seduta in programma alle ore 10 e la seconda alle ore 18, mentre rimane confermato l’impegno di mercoledì 29 proprio a chiusura del raduno quando l’Olimpia svolgerà la prima amichevole del suo precampionato contro la Bitumcaior Trento, neo promossa in LegaDue.

L’ARMANI TROVA IL CAPITANO. È IL PLAYMAKER OMAR COOK

Dopo la decisione di non rinnovare il contratto a Mason Rocca era rimasto vacante il ruolo di capitano nell’Emporio Armani Milano. Un’eredità non facile quella di un giocatore che ha saputo farsi amare dal pubblico milanese ben oltre le sue doti tecniche incarnando lo spirito Olimpia. Ora il capitano dell’Olimpia torna ad essere un playmaker, sarà Omar Cook, alla sua seconda stagione biancorossa, ad avere i gradi maggiori dello “spogliatoio”. «Abbiamo identificato in Cook il giocatore esperto, serio, affidabile per rivestire questo ruolo – dice il gm Flavio Portaluppi – È al secondo anno a Milano, si sente parte del progetto e da playmaker è il leader in campo della squadra per cui è venuto naturale estendere in assoluto i confini della sua leadership».

“NOI SIAMO L’OLIMPIA”

Uno dei simboli del rinnovamento dell’Olimpia Milano è Alessandro Gentile. Non tanto perchè sia un nuovo arrivo, visto che è all’EA7 dallo scorso dicembre (8.2 punti in 19.2 minuti nella scorsa stagione a Milano), ma perchè con i suoi 20 anni è una delle speranze del basket italiano del futuro, su cui l’Olimpia ha deciso di investire anche per il presente. In questo senso viene spiegata anche la scelta di rinunciare al capitano della Nazionale Stefano Mancinelli proprio proprio per creareare maggior spazio al figlio d’arte” Alessandro, ormai deciso a ricalcare le orme del padre, ultimo capitano biancorosso a vincere lo scudetto nel 1996.

“IO SONO KEITH LANGFORD E A MILANO VOGLIO VINCERE”

langford

Quello di Keith Langford è stato uno dei grandi colpi dell’estate milanese, forse il più prestigioso visto che sarà l’unico giocatore dei nuovi arrivati che avrà un posto direttamente in quintetto. L’estrosa guardia americana arriva da una stagione vincente al Maccabi Tel Aviv dove ha portato a casa titolo nazionale, coppa d’Israele e Lega Adriatica dove è stato anche nominato Mvp delle Final Four, mentre in Eurolega ha viaggiato a 10.6 punti nelle 20 partite in cui ha giocato. In Italia lo si conosce bene visto che arrivò nell’allora Vanoli Soresina nella stagione 2006-2007, la sua prima oltre oceano, mentre l’anno successivo dopo aver cercato invano di entrare nella NBA (solo due partite con i San Antonio Spurs) esordisce in Serie A disputando le ultime 9 partite del campionato a Biella.

ARMANI MILANO, I TUOI TIFOSI ORA CHIEDONO LO SCUDETTO

EA7-presentazione

Davanti ad una folla di 500 tifosi nell’afosa calura di Milano si è radunato l’Emporio Armani versione 2012-2013 che sarà quella che nell’immaginario dei tifosi dovrà riportare i biancorossi sul trono d’Italia dopo oltre quindici anni di assenza. Tanto entusiasmo ha accolto i giocatori al loro primo allenamento della stagione, un’oretta di “bagno di folla” con la possibilità di fare foto e autografi in una caldissima tensostruttura e poi via in “secondaria” per la prima seduta sotto gli ordini di coach Sergio Scariolo.

MILANO PER LA STORIA

Primo giorno di «scuola» in zona «PalaLido» per l’Emporio Armani Milano, che inizia ufficialmente questo pomeriggio quella che potrebbe diventare una stagione storica per il sodalizio biancorosso, senza scudetto dal 1996. Partenza un po’ anticipata rispetto alle scorse stagioni – vista la partenza del campionato fissata a fine settembre -, ma senza grossi traumi in corso, considerata la presenza di buona parte del roster che sarà a disposizione di coach Sergio Scariolo.

SCARIOLO, QUANDO PERDERE FA STORIA

Da un oro agli Europei del settembre 2011 all’argento alle Olimpiadi dell’agosto 2012, in mezzo un’infinita stagione con l’Emporio Armani – rientrando in Italia dopo 15 anni – chiusa al secondo posto. Non si ferma davvero mai coach Sergio Scariolo che è già alle porte della sua seconda stagione con l’Olimpia in un’annata dove sa che il bersaglio grosso dello scudetto deve essere un obiettivo realistico. L’anno scorso a tre giorni dai festeggiamenti in Lituania era già nella “secondaria” del Lido a fare le sue prime conoscenze biancorosse; questa volta, dopo essere volato in Spagna per il raduno con la Nazionale solo tre giorni dopo la fine della serie A, si è preso “ben” otto giorni per ricaricare le pile ed essere pronto alla nuova avventura biancorossa che si preannuncia decisamente stimolante.