EA7 FORZA 12, URAGANO SPAZZA TUTTO

È un buongiorno più che positivo quello che l’Olimpia Milano dà alla serie A 2012-2013 sbarazzandosi con facilità della Juve Caserta con il punteggio di 97-71. Un’Emporio Armani che ha messo in mostra tanta coralità con la manifesta volontà di tutti i giocatori di cercarsi ripetutamente. Meccanismi ancora da oliare, ma decisamente avanzati se si pensa che siamo a inizio campionato, già mercoledì a Bologna ci sarà comunque un test decisamente probante. Per ora chi è già entrato nei cuori dei tifosi dei milanesi è Gianluca Basile cui sono bastati 18 minuti sui parquet per far impazzire i suoi nuovi fan colpendo praticamente da ogni dove (1/1 da 2, 2/2 da 3,1/2 ai liberi), con la “specialità della casa” della bomba realizzata allo scadere del terzo periodo. Molto più intraprendente di quello a cui si era abituati Antonis Fotsis (4/7 da 2,2/2 da 3 e 5 rimbalzi), mentre la ripresa, seppur già segnata nel punteggio, ha mostrato un Hendrix pericoloso nei pressi del canestro (5/7 da 2). Luci e ombre dall’attesa coppia di guardie americane formate da Hairston e Langford: il confermato numero 7 è stato il miglior realizzatore con 17 punti e una percentuale pressoché immacolata (8/9 ai tiro), mentre l’ex Maccabi deve ancora trovare confidenza con i canestri del Forum chiudendo con un brutto 1/8 al tiro. Note positive da Melli (2/3 da 3, 4/4 ai liberi), ormai una certezza, mentre ancora in rodaggio Alessandro Gentile rientrato solo lunedì scorso a pieno regime dopo l’operazione alla spalla ma che, come normale che sia, deve ancora mettere benzina nel motore per tornare il giocatore dell’anno passato. Il primo canestro della stagione biancorossa (l’unico della sua partita) è firmato da Omar Cook in contropiede, ma all’inizio l’Olimpia zoppica un po’ faticando contro una Caserta sfrontata con il mini-play Wise che corre dappertutto (13-13). Scariolo sperimenta, all’8′ il quintetto è già tutto seduto e in campo ci sono le “riserve” (che poi tanto riserve non sono e segnano 49 punti in totale contro i 48 del quintetto). Proprio con loro arriva il primo allungo con Melli sui 20-13, mentre Basile sigla il 24-17 del 10′. La prima doppia cifra di vantaggio la firma Bourousis sul 32-21, ma Caserta ha ancora un sussulto con Akindele per il 39-33. È l’ultima vera reazione dei bianconeri, Scariolo pesca dalla panca Chiotti che non era ancora entrato e risponde con 5 punti e 2 assist in quattro azioni consecutive, mentre Stipcevic fa il suo primo canestro milanese sulla sirena dell’intervallo (53-37). La ripresa è già segnata, Hairston parte fortissimo con 6 punti in fila, poi passa il testimone a Stipcevic e Basile che realizza la tripla che a fine periodo lancia FEA7 sul 77-56. L’ultimo quarto è tutto di Richard Hendrix che segna 9 dei suoi 11 punti finali trovando quel feeling con il canestro che era mancano nei primi 30 minuti. Ora due giorni di lavoro e arriva il primo match che potrà dare qualche segnale sulla solidità di questa Olimpia, mercoledì in campo a Bologna contro la Virtus, palla a due alle 20.30. EA7 EMPORIO ARMANI MILANO-JUVE CASERTA 97-71 (24-17; 53-37; 77-56). MILANO: Giachetti 2, Stipcevic 8, Hairston 17, Fotsis 14, Cook 2, Chiotti 7, Bourousis 11, Melli 10, Langford 4, Gentile 2, Hendrix 11, Basile 9. All. Scariolo. CASERTA: Chatfield 16, Maresca 2, Mordente 5, Marzaioli ne, Wise 10, Michelori 5, Gentile 9, Akindeie 14, Cefarelli ne, Jeiovac 6. All. Sacripanti. (Sandro Pugliese)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>