OLIMPIA, SFIDA CRUCIALE

Se questa Olimpia ha del carattere da tirare fuori, la partita di Eurolega di questa sera contro il Cedevi ta Zagabria è l’occasione per tirarlo fuori e cancellare la striscia di quattro sconfitte consecutive che ha frenato il cammino europeo dell’EA7 dopo la buona partenza iniziale. Di certo l’Olimpia non sarà nelle migliori condizioni fisiche per farlo con Cook a rischio causa influenza, Gentile sicuramente fuori non avendo ancora recuperato dall’infortunio alla caviglia e Bourousis che potrebbe essere a disposizione solo per qualche minuto rientrando dopo due gare di stop. In ogni caso i biancorossi dovranno sfruttare tutte le loro risorse per vincere un match davvero decisivo visto che i croati sono proprio appaiati a Milano al quarto e ultimo posto disponibile per le Top16. Una vittoria sarebbe davvero significativa perchè metterebbe al riparo anche lo scontro diretto avendo già vinto all’andata sul campo di Zagabria per 71-83, al contrario una sconfitta -perdendo anche la differenza canestri – metterebbe la parola fine all’esperienza europea dei milanesi anzitempo. Una sconfitta entro i 12 punti sarebbe il minore dei mali, ma certamente metterebbe comunque molto a rischio il passaggio del turno visto che nelle ultime tre gare i milanesi dovranno affrontare due partite in trasferta e il match in casa sarà con la capolista Zaigiris Kaunas. «Siamo coscienti che questa è una partita praticamente decisiva per l’accesso alle Top 16 – dice coach Sergio Scariolo – e siamo anche coscienti di affrontare una squadra in grande forma come dimostrano le due vittorie recenti in Eurolega e il suo cammino in Lega Adriatica. Il Cedevita ha anche giocatori di talento. Per quanto ci riguarda vogliamo proseguire quel cammino fatto di progressi difensivi che ci siamo imposti a ogni costo, anche quello di sacrificare un po’ di punti in attacco». Potrebbe essere l’occasione per sfatare anche il tabù del Forum dove l’Olimpia perde ormai da quattro partite in fila: «Per ora abbiamo sicuramente giocato meglio fuori casa che al Forum e anche giocatori esperti come alcuni dei nostri possono avvertire la tensione. Dobbiamo pensare solo a noi stessi, mantenere la concentrazione consci dell’importanza della partita e spero che anche i nostri tifosi autentici la riconoscano. Se ci sarà della tensione, i giocatori siano pronti ad andare avanti solo con le loro gambe, isolandosi perchè la gara è fondamentale. L’obiettivo è essere all’altezza della situazione dal punto di vista mentale, ancora prima che tecnico». La novità nei croati sarà l’assenza di coach Bozidar Maljkovic che, a sorpresa, ha rassegnato le dimissioni proprio un paio di giorni fa (senza motivi apparenti, se non le ragioni personali citate nel comunicato) ed è stato sostituito dal vice Jaksa Vulic. Diretta televisiva alle 20.45 su SportItalia e su Radio Hinterland (94.6 fm, www.radiohinterland.com). (Sandro Pugliese)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>