L’OLIMPIA SI SCIOGLIE COME BURRO

cerellaIn trasferta è ancora fragile il carattere della nuova Armani che frana sotto l’entusiasmo di una frizzante Granarolo Bologna nello scontro al vertice della quinta giornata di campionato. I biancorossi cedono 79-71 in una gara in cui i felsinei hanno sempre tenuto in mano il pallino della partita, con l’EA7 sempre a rincorrere, ma senza mai dare l’impressione di poter svoltare. La sensazione è che l’Olimpia non sia pronta per due partite così fisiche e importanti nell’arco di un periodo così ristretto di tempo, come affermato da coach Banchi nel dopo partita. L’EA7 regala ben 11 rimbalzi offensivi ai padroni di casa nel solo primo tempo, e valgono poco, per cambiare l’inerzia, i 3′ di uno spaesato Lawal nella ripresa. Milano ha provato a non arrendersi, il simbolo della rimonta è stato l’argentino Cerella (foto più a destra) alla miglior prestazione stagionale con 10 punti (2/2 da 3) in 14′, mentre poco continuo è stato Langford (4 punti nel 1 ° tempo, 16 nella ripresa). I playmaker sono troppo ondivaghi (Jerrells -14 di plus/minus, Haynes +5), Sa- I biancorossi in giornata no Play ondivaghi, Moss sbaglia per la prima volta il match, Lawal spaesato, Gentile perde la testa muels patisce in difesa i centimetri della coppia King-Jordan, mentre Gentile perde la testa nel terzo quarto rimanendo seduto nei 10′ finali in una gara in cui Moss sbaglia per la prima volta il match, al di là dell’1/8 al tiro. La partenza è subito marchiata da Bologna che scappa 7-3, l’unica volta che l’Olimpia mette la testa avanti è con la tripla di Jerrells (21-22), ma arriva subito un blackout che lascia l’EA7 senza canestri per 4′ (28-22). La prima “scarica” di Cerella sveglia Milano per tornare a contatto all’intervallo. Il momento in cui il match prende la piega bianconera è quello del fallo tecnico a Gentile per proteste che da il “la” al break della Virtus per un 9-0 che la lancia dal +1 al +10 (56-46). Le triple di Cerella e le penetrazioni di Langford (foto sopra) compongono la reazione dell’Olimpia che torna a un passo sul 70-67, ma la rimonta milanese si ferma lì. Prima Gaddefors e poi Ware chiudono i conti, mentre l’Olimpia china la testa definitivamente. Risultati e classifica Aspettando il posticipo di questa sera Solo tre in vetta: Brianzoli, Virtus, Brindisi RISULTATI della quinta giornata di serie A di basket: Giorgio Tesi Pistoia-Vanoli Cremona 65-60, Enel Brindisi-Grissin Bon Reggio Emilia 72-71, Pallacanestro Cantù-Sidigas Avellino 74-67, Pasta Reggia Caserta-Acea Roma 63-68, Sutor Montegranaro-Victoria Libertas Pesaro 95-90, Granarolo Bologna-EA7 Armani Milano 79-71, Banco di Sardegna Sassari-Cimberio Varese 105-75. Stasera alle 20.30 Mps Siena-Umana Reyer Venezia. CLASSIFICA: Brindisi, Bologna e Cantù 8; Siena*, Sassari, Milano, Roma e Varese 6; Montegranaro, Reggio Emilia, Avellino e Caserta 4; Venezia*, Pistoia, Pesaro e Cremona 2. *: una partita in meno. (Sandro Pugliese)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>